Social media e filiera del food. Come scegliere, programmare, progettare e valutare.

formazione manageriale

/Anno
>2020

/Partner
Enti formativi

/Risultati
• La scheda didatticae i risultati di gradimento


/Tag
competenze, food, formazione, organizzazione, social media

/Condividi

I social media giocano un ruolo importante nel campo alimentare, il nesso tra food e Internet si rafforza ogni giorno avvicinando i diversi settori della filiera – agricoltura, trasformazione alimentare, ristorazione e turismo, in una visione multifuzionale della "economia della terra". Al centro, un nuovo modo di intendere il cliente e i suoi bisogni, descritti da un preciso set di parole chiave – biologico, km 0, innovazione sociale, tutela dell’ambiente, turismo dei territori. Intanto sul piano tecnologico, una nuova area di studi (Internet of Food o Food Tech) analizza i modelli nascenti.

La ricerca Economia della terra | Torinonordovest, 2016

/gli obiettivi

Lo sviluppo costante delle tecnologie digitali ha generato una offerta di servizi professionali fino a pochi anni fa letteralmente sconosciuti, collegati al web 2.0 e ai social media. Secondo i dati del report sulla diffusione digitale We Are Social, a gennaio 2018 Facebook risultava nel mondo (in Italia i dati sono analoghi) di gran lunga il canale social più utilizzato con 2 miliardi di utenti attivi, seguito da YouTube, Instagram e dai servizi di messaggistica istantanea come Whatsapp.

La familiarità con questi strumenti è stata spinta dalla diffusione dei dispositivi mobile che conta oggi più di 5 miliardi di utenti unici (49 milioni in Italia). Per un’impresa, il solo uso di Facebook aumenta la visibilità del marchio verso un pubblico ormai potenzialmente composto di miliardi di persone.

Sul piano delle tecnologie, gli ultimi anni sono caratterizzati dalla diversificazione delle piattaforme, e dalla crescente considerazione dei social media come strumenti strategici per la comunicazione d’impresa, la comunicazione istituzionale, la partecipazione dei cittadini alla vita sociale, politica, professionale. Ma nonostante questa centralità, questi strumenti restano per lo più appresi e utilizzati in modo artigianale, cosicché diviene difficile anche valutare la qualità dei servizi professionali offerti alle imprese, proprio mentre il cambiamento dei comportamenti di consumo e le mutate necessità comunicative e di marketing hanno stimolato la nascita di un ventaglio di proposte e specifici settori di comunicazione.

Il corso Social media e filiera del food considera le nuove abitudini “digitali” dei consumatori e delle aziende, rafforzate dalla pandemia, offrendo strumenti di comprensione e di analisi critica per conoscere il funzionamento e le grammatiche delle principali piattaforme di social networking. Fornisce strumenti interpretativi per comprendere la dimensione comunicativa, sociale, economica e culturale delle piattaforme. Individua e riconosce competenze, strumenti, tempi e modalità per progettare, gestire o supervisionare in maniera efficace la presenza di un brand in ambiente digitale e lo sviluppo del business aziendale sui social media, per rafforzare la visibilità, comunicazione, relazione con il pubblico, i clienti, il territorio.

/i contenuti
  • L’attuale Social Media Landscape e le implicazioni per i mercati.
  • Conoscere il consumatore in mercati complessi e iper frammentati, dal Cluetrain Manifesto a Socialnomics e GAFAnomics.
  • Social Media Policy e gestione della crisi. Come ha impattato il Covid su consumi e comunicazione digitale.
  • Come gestire, pianificare e monitorare le attività sui Social Media.
  • Come impostare una Social Media Strategy – social media listening; studio del target; analisi di competitor e comparable; individuazione e declinazione di obiettivi di comunicazione e marketing; impostazione di piano e calendario editoriale; content management e content curation; gestione della community.
  • Social media ed “economia della terra”
/la metodologia didattica

Nella versione standard, il corso si svolge in due giornate consecutive (16 ore). Ha una metodologia che alterna esposizioni del docente, illustrazione di approcci e modelli, esercitazioni individuali o di gruppo, discussioni in plenaria, per facilitare l’apprendimento degli strumenti (social media). Ai partecipanti vengono trasmesse le competenze necessarie a creare e condividere contenuti digitali, attraverso un approccio creativo, ma anche semplice e immediato. È necessaria un’aula attrezzata per consentire l’accesso alla rete; solitamente si usano i dispositivi personali. Il corso prevede una metodologia blended che comporta la possibilità di svolgimento in aula virtuale, l’accesso a materiali preparatori multimediali, un test di ingresso per misurare la competenza pregressa e un followup conclusivo.

/lavoriamo con
/le docenti

Nicoletta Gay

Social Media Strategist

Nicoletta Gay opera nel settore della comunicazione e delle strategie digitali. È esperta di Digital e Social Media Strategy e si occupa di studi di settore, pianificazione editoriale e networking strategico. Da più di 10 anni svolge inoltre attività di docenza universitaria negli ambiti della comunicazione, della sociologia dei processi culturali e comunicativi e dei social media.

Paola Mussinatto

Torinonordovest

Paola Mussinatto, progettista ed esperta di comunicazione per il web 2.0 e i social media, dal 2010 è co-fondatrice del centro di ricerca e competenza Torinonordovest, dove si occupa di progettazione formativa, atelier realizzati con metodologie partecipative e progetti di disseminazione scientifica.

La strategia senza tattica è la strada più lenta alla vittoria.

La tattica senza strategia è il rumore che precede la sconfitta.

(Sun Tzu)

/per saperne di più

Digital 2021_Global Overview Report

Vai al sito