/

atelier /

Formazione Economia Digitale | Unconference

/ / / / /

/le ragioni del progetto

 

È opinione condivisa che la trasformazione  digitale sarà compiuta quando assisteremo,   non a un completo cambiamento tecnologico,  ma a un generalizzato cambiamento culturale.  E che il principale veicolo – e punto critico –  di tale cambiamento non siano l’automazione  né gli algoritmi, ma le persone.  Insomma, ciò che la digitalizzazione dei processi economici e sociali mette in gioco è la capacità dell’uomo di interpretare e guidare il cambiamento. Perciò conta la consistenza  delle sue competenze, di lavoratore e prima ancora di cittadino.

 

/dentro l’atelier

 

Formazione Economia Digitale è una giornata di confronto fra persone d’impresa, della ricerca, delle rappresentanze e delle istituzioni, per discutere senza conformismi di competenze necessarie,  di metodologie, e di come le tecnologie e i linguaggi digitali possano contribuire a formarle. Partecipano ai lavori trenta ospiti, invitati a portare  la propria esperienza e opinione, prendendo parte a una discussione stimolata da alcuni brevi interventi introduttivi. I lavori sono gestiti seguendo i principi e i metodi della cosiddetta unconference. Poche le regole per partecipare: sentirsi liberi per un giorno  da vincoli di ruolo; essere disponibili a mettersi in gioco e a cambiare opinione; dichiararsi interessati a un confronto aperto sullo scenario di profonda trasformazione che si spalanca dinnanzi ai nostri occhi.

 

/gli argomenti

  • Necessità formative poste dalla digitalizzazione dell’economia, a tutti i livelli della gerarchia aziendale, con una speciale  attenzione per la manifattura.
  • Nuove modalità formative  necessarie, alle luce delle nuove competenze da sviluppare,  fra esperienze internazionali, problem solving e open  innovation.
  • Tecnologie digitali che abilitano la formazione, cambiando  gli strumenti per l’erogazione e  il formato dei contenuti sempre più conciso e multimediale.

/cos’è una unconference

La non-conferenza è un tipo  di evento dove il contenuto  delle sessioni è influenzato  e creato dai partecipanti, invece che dagli organizzatori.  La non-conferenza si tiene  lontana dagli aspetti tipici delle conferenze tradizionali, come  la presentazione di relazioni
e i dibattiti rituali. Invece pone l’accento sugli aspetti partecipativi e umani, che scaturiscono dall’incontro  tra persone, anche molto diverse per stili professionali e culturali, ma accomunate dall’interesse per uno stesso tema.

 

/in sintesi

 

/periodo 2018

/partner Università di Genova Dipartimento di Economia, Sedapta

 

La galleria fotografica (in pubblicazione)